La terza delle nostre peregrinazioni verso i punti cardinali, questa volta ci porta a Sud. Un po’ ci andiamo noi, un po’ è lo stesso Sud a venire qui, trascinato davanti ai nostri occhi grazie a splendidi lavori fotografici che lo raccontano come non lo avete mai visto, lontano da stereotipi e pregiudizi. A fare da ponte di comunicazione tra noi e il Sud del mondo c’è il Mediterraneo e l’instancabile ricerca di Francesco Malavolta, che da anni è impegnato a documentare le rotte dei migranti che attraversano il mare per una speranza di vita migliore. L’Africa quindi è un tema ricorrente, l’ombelico da cui abbiamo preso spunto per la realizzazione di questo numero: Daniele Tamagni, vincitore di un World Press Photo, ci fa conoscere le subculture del mondo con immagini colorate cariche di connotazioni positive. Grazie alla collaborazione di Azu Nwagbogu, direttore del Lagos Photo Festival nonché fondatore e direttore dell’African Artists Foudation, vengono sulle nostre pagine tre autori africani molto noti all’estero. Sono Màrio Macilau, Joana Choumali e Fabrice Monteiro, quest’ultimo anche autore della nuova copertina. I tre indagano vari aspetti poco noti del Continente Nero, per un viaggio immaginario che ci porta a una nuova consapevolezza e sconfina nell’antropologia. Lo sguardo di Rankin si posa questa volta sul grande Burk Uzzle, intervistato da Barbara Silbe per raccontare la sua carriera e i paradossi del Sud degli Stati Uniti. Gli altri fotografi coinvolti sono: Alberto Fanelli, Jean-Marc Caimi e Valentina Piccinni, Luca D’Alessandro, Alfonso Di Vincenzo, Chiara Coccorese, Tiziana Mastropasqua. Testi critici: Benedetta Donato e Francesco Cito. I racconti sono di Daniele Siri, Miky Marrocco, Maria Grazia Patania. Le rubriche: Erminio Annunzi, Francesco Di Maio, Vittorio Macioce, Marco Lombardo.

15,00 8,00

30 disponibili

In offerta!

Ti potrebbe interessare…

  • I 4 Numeri del 2017

    In offerta! 55,00 30,00
    Aggiungi al carrello