Pubblicato il Lascia un commento

Workshop – Nuove declinazioni del ritratto

Vi segnaliamo una tre giorni fotografica di qualità che sta girando l’Italia. Dopo la tappa di Milano, è la volta di Napoli l’8, 9 e 10 giugno.  Il workshop è mirato a istruire i partecipanti all’utilizzo del ritratto come linguaggio, comunicazione, racconto, ricerca introspettiva. A guidarvi nelle giornate di laboratorio ci saranno gli Hasselblad Ambassador max&douglas e Angelo Ferrillo.

Si passeranno in esame le varie declinazioni del genere: dal ritratto posato a quello ambientato, dal reportage al ritratto di strada, quattro espressioni differenti che sono rami dello stesso approccio alla persona. A completare il percorso, la stampa delle immagini realizzate durante il lavori posati e ambientati.

Il programma sarà così sviluppato:

Venerdì (dalle 19:00 alle 22:00) si affronterà il ritratto da un punto di vista teorico, analizzando autori, linguaggio, semantica, tecnica e tipologie.

Sabato (dalle 10:00 alle 18:00) si affronteranno le tipologie di ritratto mettendo in pratica i canoni teorici studiati il giorno prima. I partecipanti saranno divisi in due gruppi e si alterneranno passando dallo studio alla strada.

Domenica (dalle 10:00 alle 18:00) si dedicherà la giornata all’editing, alla post produzione e alla composizione del portfolio di ogni partecipante, per arrivare a una selezione di immagini che verranno infine stampate per dare concretezza maggiore ai risultati ottenuti durante il laboratorio. Chiuderà la giornata un aperitivo conviviale di scambio.

I partecipanti NON realizzeranno ritratti di modelle, come nella tradizione della varietà formativa contemporanea, ma di soggetti comuni che verranno rintracciati tra la gente comune, approccio che differenzia questa experience dalle altre offerte dal mercato. I partecipanti non scatteranno tutti insieme, ma uno alla volta, seguiti passo passo dai docenti. Dalla ricerca del soggetto, all’impostazione tecnica, allo scatto, all’editing, alla postproduzione, alla composizione del portfolio, alla stampa alla messa in opera.

Il limite massimo di partecipanti è fissato per n. 20 (2 gruppi da 10 persone).

Il costo è fissato per € 249,00 IVA compresa.

Agli iscritti IgersItalia verrà praticato uno sconto, pagando solo € 199,00 IVA compresa.

I prossimi appuntamenti saranno Bologna e Roma.

Per ulteriori informazioni e iscrizioni: info@angeloferrillo.com

 

max&douglas
Ambassador Hasselblad, lavorano insieme dal 1998, anno in cui terminano l’ Istituto Europeo di Design di Milano. Una delle prime “coppie creative” nel mondo della fotografia, sicuramente la prima in Italia. Iniziano a lavorare in campo pubblicitario e successivamente inizia la collaborazione con numerose ed importanti riviste italiane ed estere, delle quali realizzano innumerevoli copertine.

www.max-douglas.com

 

Angelo Ferrillo

Ambassador Hasselblad nasce a Napoli nel 1974 dove intraprende gli studi di Ingegneria e mentre lavora, si appassiona alla fotografia, formandosi da autodidatta, come è regola che sia, fino ad approdare nel mondo fotografico professionistico. Attualmente si occupa di fotogiornalismo come freelance, e di fotografia corporate, inoltre insegna fotografia e comunicazione visiva presso lo IED Milano e Officine Fotografiche Milano.

www.angeloferrillo.com

 

 

 

 

 

 

Pubblicato il Lascia un commento

Asta – Una nuova occasione per donare alla ricerca

Qui trovate le opere ancora disponibili. L’asta fotografica benefica che EyesOpen! Magazine ha organizzato, in collaborazione con Bottega Immagine Centro per la Fotografia, a favore di Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica onlus si è conclusa con enorme successo. Grazie alle donazioni di tutti i collezionisti e gli amanti dell’arte della fotografia, che si sono aggiudicati i lotti nelle due diverse edizioni dell’evento, sono stati raccolti 21.000 euro. Una cifra importante per la Fondazione, che andrà interamente a finanziare un progetto di ricerca nella speranza di sconfiggere questa terribile malattia genetica.

Delle quasi 170 opere donate da artisti italiani e internazionali, sono rimasti disponibili ancora alcuni pezzi acquistabili da oggi consultando il nostro sito, per chi ancora volesse contribuire  alle donazioni o per i ritardatari che non hanno fatto in tempo in precedenza. Questa è la gallery con i relativi importi di base. Chi fosse interessato può scrivere a redazione@eyesopen.it.

Seguite Rachele Somaschini, testimonial di FFC, e la sua campagna #CorrerePerUnRespiro. Questa giovane pilota è a sua volta malata, la sua sfida contro il tempo per guadagnare il podio in campionato al volante della sua auto è in realtà solo un modo per aiutare la ricerca a vincere una ben più grande battaglia.

Grazie a tutti per gli innumerevoli gesti di solidarietà dimostrati in questi mesi. Grazie di cuore a chi ha donato, a chi ha divulgato le informazioni attraverso i canali social o a tutti i volontari che hanno aiutato in prima persona per la riuscita dell’impresa. Fare del bene fa bene e porta bene!

 

Pubblicato il Lascia un commento

Interview – Alys Tomlinson and her winning series “Ex Voto”

Barbara Silbe

Alys Tomlinson is an award-winning editorial and fine art photographer based in London. She was named “Photographer of the Year” at the prestigious Sony World Photography Award 2018. The World Photography Organization assigned the prize (25.000 $) to her winning series “Ex-Voto”, focused on religious devotions she found in many Christian pilgrimage sites worldwide. She often  photographed  anonymously and hidden places where pilgrims leave ex-votos as expressions of hope and gratitude, creating a tangible narrative between faith, person and the landscape. Taken at the pilgrimage sites of Lourdes (France), Ballyvourney (Ireland) and Grabarka (Poland), the project encompasses formal portraiture, large format landscape and small, detailed still-lifes of the objects and markers left behind. Shot on 5×4, large format film, the images evoke a distinct stillness and reflect the mysterious, timeless quality present at these sites of great spiritual contemplation. People and landscape merge as place, memory and history entwine. All the images are taken in 2016/2017

Hi Alys, would you define yourself a photographer or an artist? And why?

I consider myself primarily a photographer or perhaps a photographic artist. My work is often heavily research-based and my latest project ‘Ex-Voto’ drew on my Anthropological studies, so maybe I would even call myself a photographer and researcher.

What is Photography for you?

It starts as a curious impulse or fascination and is driven by the desire to find out more about a certain subject or community. Photography gives me freedom to explore ideas and allows me to tell the stories of others, to discover the unseen and document that in a very personal way.

Tell me more about the project winner of the SWPA.

I’ve been working on ‘Ex-Voto’ for around five years, exploring Christian pilgrimage sites in Ireland, France and Poland. The project is all shot on black and white, large format film and consists of three strands – portraits of the pilgrims, still life shots of the ‘Ex-Voto’ and the wider landscapes.

Tell me more about your feeling and mood when you realized you were named Photographer of the Year SWPA 2018

I was amazed and surprised, but also very happy that that the judges had seen meaning and depth in my work. To get this type of recognition for a project I have committed to for so long is hugely rewarding.

You are a great portrait maker, you put an extraordinary formalism in your landscape and you demonstrate an out of order capability to tell stories. What you like the most, and why, if you can choose?

I am always drawn to making portraits and find the connection you have with that person very interesting, as I am fascinated by people and how we relate to each other and our environment. However, I also love the stillness of photographing landscapes. With landscapes, it is often just me and the camera and I enjoy that solitude. I’m not sure that I can pick a favorite!

What surprised you most in this work on spirituality?

How open people were about their faith and how complex their beliefs were. I was also surprisingly moved at these pilgrimage sites, even as a non-believer there is a very special aura and unique feel when you are there.

You studied English literature before studying photography, do you think this first part of your schooling shaped your vision in art?

Photography is all about storytelling and I think my interest in literature and reading has shaped my work. The structure of good writing can be transferred to photographic storytelling. I am also very influenced by cinematography and film, particularly the work of directors such as Haneke, Tarkovsky and Pawlikowski.

Tell me something about your equipment, why do you use a huge Victorian-style single frame camera for this project?

It’s a very slow and considered approach, which means I have to think carefully about each shot. As the negatives are 5×4 inches, it allows for great detail. Also, the method of using large format is almost ritualistic, reflecting the religious subject matter.

How did you start your career and when?

After graduating from my BA degree, my first job was taking photographs around New York for the Time Out Guide, which taught me to be organized, creative and independent. I’ve been working as a professional photographer for around 10 years, combining commissioned work with my personal projects.

What’s the fun part of your job? and which one is the most demanding?

The most demanding is the dedication required and the need to hold on to the conviction that the work you’re making is of value. The most fun is meeting people I would never normally meet in my everyday life and taking off on photographic adventures, never knowing where it’s going to lead…

Which are your main future project after this important victory?

Winning the SWPA has instilled in me a need to prioritize my personal projects and not lose sight of that. I am hoping for a solo exhibition of the work and I’m also planning on making the ‘Ex-Voto’ project into a book which I’m very excited about, so I am currently looking at design options for publication.

 

Pubblicato il Lascia un commento

Paesaggio – Imperdibile corso con il nostro Erminio Annunzi

“Il numero minimo di partecipanti a questo corso è di cinque fotografi, fino ad un massimo di dieci. A rischio di apparire arrogante, direi che è un corso da non perdere assolutamente”. Esordisce così Erminio Annunzi sul suo profilo Facebook per introdurre la notizia del prossimo workshop che terrà. Come sanno i nostri lettori, Erminio collabora con noi tenendo una mirabile rubrica sull’edizione cartacea del magazine ed è, inoltre, un  ottimo fotografo e insegnante da trent’anni impegnato nella ricerca sul paesaggio. Egli è quanto di meno arrogante ed egocentrico si possa immaginare scandagliando l’intero genere umano. E’ più un filosofo dai modi gentili come quelli di un filo d’erba.

Il 23 e 24 giugno prossimi terrà un seminario proprio dedicato al paesaggio in bianco e nero su pellicola. E’ dedicato a chi ama  fotografare a pellicola ed è sensibile al fascino dell’immagine in bianco e nero, ma potrebbe interessare anche chi è curioso di sperimentare nuove (antiche) strade della fotografia affidando la sua formazione a chi possa infondere in lui la visione e la progettualità dell’immagine. Nei due giorni, il tempo degli iscritti sarà dedicato alla ripresa e allo sviluppo dei rulli realizzati durantela giornata di uscita fotografica e verranno affrontate le problematiche della ripresa, l’uso dei filtri, l’uso creativo delle pellicole e, infine, verrete consigliati su quale rivelatore è più adatto per il risultato desiderato. Per informazioni più precise, erminioannunzi@virgilio.it

A proposito, seguitelo anche qui 

 

 

 

Pubblicato il Lascia un commento

VII Summer School of Visual Storytelling

Paul Lowe
Segnaliamo con piacere:

PAUL LOWE, ZIYAH GAFIC, SARA TERRY

VII Summer School of Visual Storytelling
06/12 Luglio 2018
 II Sarajevo, Lukomir, Srebrenica, Bosnia

LINKE in collaborazione con VII Agency presenta:

Summer school of storytelling
Una masterclass con Paul Lowe, Ziyah Gafic e Sara Terry:
tre maestri della fotografia che negli ultimi 25 anni hanno documentato in profondità non solo l’atrocità del conflitto, ma anche le conseguenze del dopoguerra.

Un’esperienza formativa unica con tre professionisti dalle diverse prospettive, che in una settimana di lavoro aiuteranno i partecipanti a sviluppare nuove abilità sul campo, risolvere i problemi con creatività e intelligenza e a sviluppare il proprio stile, facendo un lavoro mirato sull’identità fotografica di ognuno.
Una parte del corso inoltre, sarà dedicata ai metodi per la corretta impostazione di un progetto a lungo termine,  dalla pianificazione alla presenza del testo nel corpus visivo, fino alla ricerca dei fondi necessari per finanziarlo.

L’Agenzia VII – con il lavoro prodotto durante la guerra in Bosnia, ha lasciato un segno duraturo nella storia del fotogiornalismo e ha realizzato alcune delle immagini più iconiche del 20° secolo sul conflitto e sulle sue conseguenze.

Durante il corso verranno assegnati compiti fotografici personalizzati che metteranno alla prova la capacità di problem solving, dando spazio alla creatività e all’intelligenza oltre che alla tecnica.

Il workshop prevede due momenti fotografici intorno alla città di Sarajevo, al remoto villaggio di montagna di Lukomir e a Srebrenica, in occasione della la commemorazione annuale dele vittime del genocidio del 1995.
I fotografi coinvolti hanno vissuto e lavorato in Bosnia negli ultimi 25 anni documentando in profondità la situazione della guerra e del dopoguerra da una serie di prospettive.

La Bosnia stato emergente che sta ancora affrontando gli effetti a lungo termine della devastante guerra civile che infuriava nel paese dal 1992 al 1995, oggi offre una visione unica di ciò chela guerra civile fa ad un paese secolare e
prospero. Nonostante L’accordo di pace di Dayton firmato nel 1995 che garantisce il ritorno dei rifugiati e la restituzione della proprietà privata, le tensioni etniche rimangono elevate e la comunità internazionale rimane un fattore determinante nel mantenere uno stato alquanto disfunzionale; un paese rimane diviso lungo le linee etniche con le quattro religioni diverse (Islam, il cattolicesimo, il cristianesimo ortodosso e l’ebraismo) che vivono fianco a fianco.

Sarajevo, la capitale, affascinante da visitare ed esplorare, è un mix unico di oriente e occidente e con la sua lunga e complessa storia è una città da scoprire.

Lukomir è il villaggio montano più alto e isolato della Bosnia, dove gli abitanti vivono ancora secondo le tradizioni degli altipiani del Dinaric, offrendo uno spaccato unico nel passato europeo. Il villaggio posto sul canyon mozzafiato di Rakitnica, i monti Obalj e Visocica.
Si potranno conoscere gli abitanti del villaggio e vedere come vivono in questo bellissimo ma difficile ambiente.
Ci sarà un’escursione facoltativa alla Cascata di Perugua (alta circa 40 metri) a Gornji prima di tornare Lukomir, uno dei pochi villaggi in Bosnia, se non l’unico, a non essere stato toccato dalla guerra.

Srebrenica è una piccola città nella Bosnia orientale (a 100 miglia da Sarajevo) ed è il luogo del primo atto di genocidio dall’Olocausto, sul suolo europeo. Ogni anno, l’11 luglio, i funerali delle vittime identificate si svolgono nel centro commemorativo di Srebrenica come parte della commemorazione del genocidio e migliaia di persone in lutto partecipano alla cerimonia.

Programma
Al di fuori delle presentazioni e dei tutorial individuali, ogni partecipante sarà libero di esplorare e girare per la cosmopolita città di Sarajevo.
Durante il corso ciascun tutor presenterà il proprio lavoro sulla Bosnia, ci saranno esercitazioni individuali secondo singole esigenze,
e sessioni di gruppo su come riuscire a finanziare, portare a termine progetti a lungo termine e su come sviluppare un proprio
portfolio personale, non solo risolvendo questioni tecniche, ma sviluppando strategicamente nuove abilità di narrativa visuale.
6 luglio
Arrivo e drink di benvenuto la sera.
7 luglio
Sessione 1: schema del programma del workshop e obiettivi
Sessione 2: lavorare sul proprio stile visivo
Sessione 3: esercitazioni individuali: 30 minuti con ciascun tutor a turno con i partecipanti del workshop
Sessione 4: Presentazione di Paul Lowe del suo lavoro in Bosnia
Sera: cena di gruppo nel ristorante locale
8 luglio
Sessione1: presentazione di Sara Terry del suo lavoro in Bosnia
Sessione 2: esercitazioni one-on-one
Sessione 3: Sviluppo di progetti a lungo termine con Sara Terry
Sera: partenza per un viaggio notturno a Lukomir
9 luglio
Tutto il giorno a Lukomir, ritorno in prima serata
10 luglio
Sessione 1: presentazione di Ziyah Gafic del suo lavoro in Bosnia
Sessione 2: : Presentazione lavoro fatto di Lukomir
Sessione 3: La poetica della visione con Ziyah Gafic
11 luglio
Escursione di un giorno a Srebrenica per la commemorazione annuale del massacro del 1995.
12 luglio
Sessione 1: Presentazione lavoro di gruppo di Srebrenica.
Sessione 2: esercitazioni individuali
Sessione 3: Riassunto finale e sessione di domande e risposte con tutti e 3 i tutor
Cena di chiusura
INFO PRATICHE & Condizioni
Insegnanti: Paul Lowe, Ziyah Gafic, Sara Terry
Località: Sarajevo, Lukomir, Srebrenica, Bosnia
Costo: 2,000 $ USD (1620 euro circa secondo i tassi cambio)
Durata: 7 giorni
Partecipanti: 15<20
Livello: tutti i livelli
Borse di studio: siPer prenotare un posto al workshop, è richiesto un deposito pari al 25% del costo totale del workshop.
Il pagamento finale e completo del saldo è dovuto entro e non oltre 120 giorni prima della partenza.
La prenotazione sarà annullata se il pagamento completo non è stato ricevuto entro 120 giorni prima della partenza.
Il deposito se non è rimborsabile. Consigliamo ai partecipanti di stipulare un'assicurazione contro l'annullamento del
viaggio. Se, in circostanze eccezionali, di infortunio o malattia, gli insegnanti non saranno disponibili saranno sostituiti
con un altro fotografo VII.
La quota del workshop include: 7 gg di WKS, un pranzo e la cena finale.  Generi di conforto durante il corso e tutti i
viaggi interni per il paese. Non include viaggio, pasti e alloggio.  Per chi fosse interessato esiste la possibilità di
alloggiare in case locali tramite airbnb a tariffe molto basse.
Invitiamo a sottoscrivere un'assicurazione contro l'annullamento del viaggio, perdita di oggetti personali e infortuni.
Si prega di verificare i requisiti di visto che possono variare a seconda della nazionalità.
http://viiphoto.com/event/vii-summer-school-of-storytelling/      VII Agency in partnership with LINKE.Lab
Pubblicato il Lascia un commento

Katia Morichetti – L’impossibile altrove

Barbara Silbe

Di Katia Morichetti colpisce l’uso che fa del mezzo fotografico. Come fosse un’estensione del pensiero, trasforma l’obiettivo in un microscopio attraverso il quale analizza il mondo che le sta intorno, la sua famiglia e la sua stessa persona. Nel suo esprimersi, non ricorre però a quel genere d’indagine che diventa essenza meditativa come nelle opere-astrazione di Abbas Kiarostami, non usa nemmeno l’autoritratto alla Francesca Woodman a cui moltissime autrici dopo di lei si sono ispirate. Katia è documentale, dà attenzione alla storia, vuole fermare le cose che le accadono, analizzarle e ripensarle anche nei giorni a venire. Con questa serie compie un atto coraggioso, quello di svelare se stessa e i suoi ricordi. Attraverso l’arte manifesta il desiderio di mettere un punto e proseguire. E’ introspettiva, non introversa. Ogni inquadratura è un racconto a sé stante ed è discorso che si srotola. Ogni fase del suo narrare cerca soluzioni, fosse anche solo interiori, a darle equilibrio. E in chi osserva resta la voglia di una seconda puntata con il lieto fine.

Katia Morichetti è nata a Macerata nel 1975. Ha iniziato a interessarsi di fotografia solo sette anni fa, ma ha già al suo attivo diverse mostre, pubblicazioni e riconoscimenti. Questo ci scrive la stessa autrice per introdurre il suo portfolio:

“Qualche giorno prima del mio ottavo compleanno i miei mi portarono da uno psicologo infantile.
Balbettavo.
Lo psicologo fece le cose che una bambina intelligente e introversa si aspetta:
disegna la tua famiglia, disegna tua madre, la tua casa. Poi lui parò coi miei e,
quando ce ne siamo andati mi sono ritrovata due genitori che non erano quelli
che ricordavo, quelli di un’ora prima, insomma.
Mia madre mi ascoltava, mio papà sorrideva.
Si parlavano tra loro.
Sorridevano parlandosi tra di loro.
Non va bene, pensai, chi sono questi?
Questa curiosa situazione durò mezza giornata.
Il giorno del mio compleanno già si ignoravano di nuovo tra di loro, ed iniziavano
ad ignorare di nuovo anche me.
Mia madre riprese i suoi rancori, poggiati momentaneamente sulla scrivania dello psicologo,
e se li rimise nell’abito da casa a fiori.
Mio padre prese i suoi sensi di colpa e tornò a tenersi occupato per non pensare:
l’orto, i libri, poi la tv.
La causa della balbuzie non è chiara: dicono ansia, rabbia repressa, ereditarietà.
Di fatto, io sentivo di incespicare con le parole perché volevo essere ascoltata
per un tempo un po’ più lungo ed avevo così tanto da dire.
Ma non mi capitava che qualcuno mi ascoltasse.
Che loro mi ascoltassero.
Non capitava praticamente mai.
A casa mia, si sta molto in silenzio”.

Pubblicato il Lascia un commento

Danilo Garcia Di Meo – What?

What? – Danilo Garcia Di Meo

Ad Ambra viene diagnosticata la sordità a due anni. Cresce serenamente, ama disegnare, praticare sport e leggere. Accetta, però, con difficoltà la sua condizione: non ama sentirsi diversa e non si piace: “mi guardavo allo specchio, non mi piacevo, vedevo solo difetti”.

Si ritrova, così, in una relazione con un uomo violento che la umilia e l’annulla: “I primi mesi andò tutto bene, poi cominciò a insultarmi e più di una volta sono rimasta coi lividi sul collo, poi schiaffi, pugni, calci”. 

Conosce, per caso, la kick boxing, aveva molta: “volevo imparare a difendermi da attacchi nel caso mi fosse ricapitata un’altra situazione di violenza fisica”. È una vera rinascita: comincia a prendersi finalmente cura di sé, acquisisce uno stile di vita sano e le vittorie la gratificano. Si libera dell’uomo che la maltratta.

Scopre anche un’altra passione: la musica techno, che con i bassi e le vibrazioni la coinvolge profondamente. 

Non si ritiene un prodigio, come vorrebbe un certo stereotipo: “Alla sordità non dò più tanto peso come handicap. Mi ritengo come una qualsiasi altra persona. Come tutti ho le mie abilità e i miei deficit.”

Ambra, oggi, si definisce felice e soddisfatta. Ha intrapreso un percorso di consapevolezza e autonomia incontrando ostacoli che hanno forgiato la sua resilienza anche per i luoghi comuni che circondano l’essere donna, la condizione di sordità, il praticare un’arte marziale.

Nell’anno nuovo è stata operata per poter sentire con l’impianto cocleare all’orecchio più sordo. 

Una notte ha acceso l’impianto cocleare in una serata di musica techno.

Si aspettava la stessa musica.

Non è più la stessa da quella notte. Aveva la pelle d’oca ed era felice.

(ENG)

Ambra was diagnosed with deafness when she was two. She like drawing, playing sports and reading. She accepted, with some difficulty, her condition. She didn’t like feeling different and not liking herself, “I looked in the mirror, I didn’t like myself, I could only see defects”.

She had a relationship with a violent man who humiliated her: “The first few months went well, then he began to insult me, and more than once I was full of bruises on the neck, then slaps, punches, kicks “.

She knows the kick boxing. She had a lot of anger to dig out: “I wanted to learn how to defend myself from attack if I ever met another situation of violence”.

She gets rid of the man who mistreats her.

It is a real rebirth for her. She finally begins taking care of herself, she acquires a healthy way of life and the victories gratify her. She got rid of the label of deaf person condemned to no accepting herself That she had put herself on.

She also discovers another passion: techno music, with low vibration and it involves her deeply.

She doesn’t consider herself strange or different, from a certain stereotype: “I don’t give much importance to deafness. I feel like any other able-bodied person, I see myself just like everybody else. With my abilities and my limits.”

Ambra, today, is happy and satisfied. She embarked on a path of awareness and autonomy encountering obstacles that have forged her resilience even for the “defects” being a woman, being deaf andpracticing a martial art.

With the new year she got a surgery to hear more thanks to a cochlear implant in the deafest ear. She turned it on during a techno party, expecting to hear the same way as usual. From that night She’s not the same person, she felt new emotions and she was very happy.

Who is Danilo

 

Pubblicato il Lascia un commento

Kicia Randagia – Scelte

Ho conosciuto Kicia nel 2016 al Centro Italiano per la Fotografia d’autore di Bibbiena durante una sessione di letture portfolio in occasione di una delle tappe del Portfolio Italia indetto dalla Fiaf.

Mi colpirono soprattutto la sua passione, tipica dei giovani, ma soprattutto la chiarezza delle idee e la sua progettualità. Viene premiata oggi al Zeiss Photography ed esposta a Londra al Sony Award

Vi presentiamo il lavoro esposto a Londra: “Scelte”

Manuela Cigliutti

Scelte

2011 – 2016

Scelte’ tells the story of a life split between two cultures – the life of my daughter Siria. Siria doesn’t just live between two different countries, she lives in two different worlds. She feels very much at home in the big city of Rome, a place filled to the brim with technological advances. But every year, we spend two months living in an out-of-the-way village in Poland. It’s like a different world there: from the food and the traditions to the nature, nothing there can be compared to the mod cons of big-city life.

As a mother, it was incredible for me to see how quickly Siria, an ambitious, high-tech girl, transformed into one who loves the countryside, walks around barefoot, lives among animals, appreciates simple, natural food and plays with everything she finds. I realized that my daughter was able to find happiness everywhere, and when we returned to Rome I came up with ‘Scelte’. For Siria, both worlds seemed perfect in their own right. Meanwhile, I wonder which one she’ll choose when she grows up.

I’ve selected photos that capture a life that could belong to any child in today’s world. I decided to take my photographs in black and white to present both worlds as equal. Colors would only have taken attention away from the matter at hand – and I didn’t want that. Through my series, I’d like to show the world how children who grow up between two cultures live and how it feels to do so. What some may see as a disadvantage is actually a great opportunity for a lot of people – the chance to see the world with new eyes

 

Chi è Kicia

 

 

Pubblicato il Lascia un commento

URBAN 2018 Photo Award – La prossima edizione si avvicina

Con piacere annunciamo una collaborazione con l’URBAN 2018 Photo Award, contest fotografico internazionale promosso dall’associazione culturale dotART di Trieste in collaborazione con Photographers.it che vede ogni anno migliaia di foto in gara e centinaia di partecipanti da tutto il mondo. Il concorso offre ai fotografi classificati una reale visibilità attraverso mostre itineranti e lo sforzo, che EyesOpen! Magazine ha deciso di supportare con una partnership, culminerà a fine ottobre con la mostra dei vincitori e la cerimonia di premiazione al Trieste Photo Days, festival della fotografia urbana promosso sempre da dotART. Trieste Photo Days è organizzato con il contributo delle istituzioni locali e co-finanziato da URBAN. Tra gli ospiti di punta dell’edizione 2018 del festival, i fotografi giapponesi Tatsuo Suzuki (presidente della giuria del concorso) e Tadashi Onishi, anch’egli membro della giuria così come il nostro direttore responsabile Barbara Silbe, oltre a Fulvio Merlak presidente di FIAF, Angelo Cucchetto, Bob Patterson, Ania Klosek e altri importanti nomi.

Per chi volesse inviare il suo portfolio, c’è tempo fino al 31 maggio per partecipare alla prossima edizione, affrettatevi! Urban 2018 si divide in due sezioni dedicate alla fotografia urbana:”Themed Photos” (con sette diverse aree tematiche: Street Photography Architecture, Urban Art, Transport, People, Urban Animals, Creative Photography) e “Projects & Porfrolios”.

Sulla nostra rivista pubblicheremo una selezione dei finalisti e i lavori vincitori.

Sul loro sito trovate info più dettagliate e il regolamento, basta cliccare qui. E se volete approfondire i premi in palio, sono a questo link

 

Pubblicato il Lascia un commento

ASTA FOTOGRAFICA – La seconda data!

Che voi siate solo amanti della fotografia d’autore, veri collezionisti di questa arte o semplici benefattori (o, magari, tutte e tre le cose insieme), non potete perdere la seconda parte dell’asta benefica che EyesOpen! Magazine ha organizzato e promosso per la ricerca scientifica in collaborazione con Bottega Immagine Centro per la Fotografia. Questa vasta operazione, come molti di voi sanno ha visto coinvolti i più grandi maestri dell’obiettivo italiani e internazionali, affiancati da giovani talenti e da semplici fotoamatori: tutti hanno donato le loro opere per una raccolta fondi che è già stata di grande successo. A favore di Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica onlus, lo scorso 5 aprile abbiamo raggiunto la cifra record di 17mila euro che, grazie al lavoro di chi ha collaborato all’impresa, e lo ha fatto gratuitamente, andranno totalmente a favore della ricerca su questa terribile malattia genetica.

Le foto donate per questa nobile causa sono state tantissime, segno che i fotografi hanno davvero un grande cuore. Sono state talmente tante che la prima serata non è stata sufficiente per battere e assegnare tutti i lotti. La nuova asta, non meno nobile della prima, è fissata per giovedì 17 maggio negli spazi di Bottega Immagine, via Carlo Farini 60 a Milano. L’evento è aperto al pubblico, quindi venite: siete tutti invitati a partecipare! Chi non potesse essere presente, potrà come in precedenza collegarsi, seguirci e donare durante la diretta che verrà trasmessa sulla pagina Facebook di EyesOpen! Magazine.

A questo link è visibile la nuova gallery

Ogni vostro aiuto nella divulgazione della notizia sarà prezioso come un dono alla ricerca. Ogni donazione renderà nobile voi e la Fotografia.