Pubblicato il Lascia un commento

Umberto Verdoliva – Procida, “isola non-trovata”

Di Barbara Silbe

Procida sta lì, sospesa tra il vento e il mare, a raccontare secoli di storia e a srotolare paesaggi da incanto come fossero un sipario. E’ anche un ramo di Napoli, un comune della città metropolitana per la precisione, proteso nel suo golfo, che insieme ad Ischia, Vivara, Nisida e Capri fa parte dell’Arcipelago Campano. Lei però è diversa da tutte. Antica, autentica, un po’ segreta, tanto da meritarsi il fregio di Capitale della Cultura 2022. L’anno prossimo si aprirà a molte iniziative e al turismo, ne sarà invasa, speriamo, quando la pandemia avrà allentato i suoi morsi su tutti noi. Noi abbiamo incontrato un fotografo che da tempo la racconta nella sua più profonda intimità. Si tratta di Umberto Verdoliva, residente a Treviso, ma nato a Castellammare di Stabia e ancorato alle sue radici come una quercia. Vive da pendolare da molti anni, con molte difficoltà, e il suo sguardo sull’isola si addentra tra le sue strade, si affaccia ai suoi balconi, si ferma con le persone e tra le architetture, come a voler osservare quello che noi non sappiamo vedere. Uno stile, il suo, che mescola sapientemente un approccio analitico-geometrico del paesaggio architettonico a inquadrature più emotive e ampie, dove le sensazioni che ci rimanda sono quelle che egli stesso prova e lascia sedimentare. I soggetti ritratti sono spesso al centro della composizione, a testimoniare quanto l’incontro con l’altro sia determinante nella sua fotografia. Le situazioni riprese sono dinamiche, spesso mosse, le diagonali e le proporzioni perfette, come in un balletto classico. Autore di strada, che si esprime usando medium analogici, Umberto ha una notevole profondità di pensiero, quella che serve a raccontare le vie che percorre senza cadere nella superficialità improvvisata tipica della street photography contemporanea. Queste le sue parole a descrizione del portfolio che pubblichiamo.

“In questo percorso, che ancora continua, Procida è stata il mio transito, il rifugio, una porta svelata con la chiave della mia fotocamera, essa ha permesso di ritrovarmi, di scoprire, di lasciar fuori stanchezze e incomprensioni di una vita che avrei voluto forse diversa.

Ma bella più di tutte l’Isola Non-Trovata” sono i versi di una poesia di Guido Gozzano, un luogo immaginario che è lì per essere reinventato continuamente da chi ne percepisce l’animo e la grazia. Nell’isola troviamo però anche un approdo, una stazione momentanea di un transito, il fermarsi per recuperare le forze e poi proseguire. L’isola e il mare, elementi da sempre contenuti nella narrazione, hanno permesso di abbandonarmi alla bellezza del vento, alla luce, all’odore della salsedine e ai propri silenzi facendo nascere in me il desiderio ancestrale di raccontare e svelare l’enigma profondo dentro di me.

Nel termine “isolamento” la parola isola come luogo ne costituisce l’ossatura, e la vicinanza stessa con la terraferma accentua la dimensione di distanza, guardi da lontano le tue paure e sembri dimenticarle”

Note biografiche

Sono nato nel 1961 a Castellammare di Stabia in provincia di Napoli. Vivo a Treviso. Fotografo dal 2006. Ho amato immediatamente la fotografia di strada, questa consapevolezza nel tempo mi ha spinto ad indagare con profondità il mio “quotidiano”, fino alla ricerca costante della poesia e della bellezza come qualità essenziali da evidenziare dell’uomo.

Dal 2010 al 2017 sono stato membro del collettivo internazionale “ViVo” e nel 2013 ho fondato “SPONTANEA” un collettivo italiano dedicato alla street photography sciolto nel 2019 che ha lasciato un significativo segno nella comunità street italiana.

La fotografia è uno strumento parallelo alla mia vita professionale e personale che utilizzo per entrare in un mondo tutto mio in cui raccontare, sognare, ricaricarmi, stare bene con me stesso e con gli altri. Narro attraverso le immagini, tutto ciò che vivo giorno dopo giorno, dalle strade sotto casa, all’ambiente di lavoro, dalla famiglia ai luoghi in cui vivo, indagando con occhio attento e profonda sensibilità, il mio vissuto per lasciare tracce e memoria anche di altri.

In questi anni ho realizzato numerosi progetti fotografici che, sebbene siano ben distinti, rappresentano il mio progetto unico, la mia storia di uomo, la memoria e il mio pensiero sulla vita.

Non amo citare i premi vinti o in cui sono stato finalista, sono elencati sul mio sito web così come tutte le esposizioni personali e collettive a cui ho partecipato. La fotografia, per me, non ha nulla a che vedere con il guadagnarsi da vivere e soprattutto non è una competizione. Considero i premi ricevuti un riconoscimento del mio percorso fotografico.

Mi piace, oltre a fotografare, trasmettere la mia passione curando laboratori, mostre, letture di portfolio, presentazioni, scrivere articoli ed approfondimenti sulla fotografia. Molte mie foto e progetti fotografici sono stati pubblicati nelle principali riviste di fotografia italiane e internazionali.

Dal dicembre 2016 collaboro con il dipartimento social della FIAF e con la rivista FOTOIT nella recensione di autori e progetti specifici.

www.umbertoverdoliva.com  

Pubblicato il Lascia un commento

Paola Gallo Balma – Corniglia

Le Cinque Terre, patrimonio dell’Unesco, sono l’Appennino che si tuffa nel Mar Ligure. Una combinazione che ha portato alla creazione di meravigliosi paesaggi: le coste alte e frastagliate, scogliere scoscese con calette profonde, terrazzamenti di muretti a secco coltivati, sentieri e mulattiere fra boschi e olivi. A fare da cornice in questo territorio ci sono cinque piccoli borghi marinai, incastonati nelle insenature delle pietra, che si affacciano direttamente sul mare. Luoghi dove l’uomo di queste parti ha tenacemente ha posto le sue radici e sulla roccia ha costruito le case, strette una all’altra, separate solo da carrugi e baciate dal sole. Qui il contadino ha addomesticato i pendii , ricavando lembi di terra dove coltivare il proprio orto, piantare le vigne e gli olivi per poter celebrare ogni anno il rito della vendemmia e della spemitura delle olive. Unica eccezione dei cinque borghi è Corniglia, che si trova a 100 metri sul livello del mare ed è più un paese rurale e montano piuttosto che marino, sito permeato di una conoscenza che sa di terra, di mare e dell’odore di libro antico.

Corniglia è costituita di persone che hanno scelto questa vita e che tengono stretti i ricordi di un tempo passato. Corniglia è Mario, che ti accoglie nella sua casa e condivide le sue giornate fatte di gesti antichi e umili e che racconta di meravigliosi luoghi lontani. E’ il sapere di Stefano, un conoscenza che nemmeno i suoi 15.000 libri potrebbero contenere. E’ la memoria di una vecchia fotografia che porta Vittoria a raccontare cosa le sue stanche mani hanno raccolto.
Corniglia è oggetti sommersi sul fondo del mare, sacralità, storia, durezza, impegno e dedizione.
Corniglia è il mare che si fa rarefatto, risale la costa e si adagia leggero sulle case e sulle vite degli abitanti, il vento che cambia l’andamento delle giornate e il camminare fra i carrugi.
Corniglia è magia dove paesaggio e persone si mostrano ai miei occhi per la loro vera natura.
Corniglia è sospesa sul mare e sospesa nel tempo

BIOGRAFIA

Paola Gallo Balma è nata nel 1982 e cresciuta in un piccolo paese vicino a Torino. Si laurea prima nella specialistica e poi nella magistrale al Politecnico di Torino nella prima facoltà di Architettura.
Negli stessi anni universitari si avvicina alla fotografia come autodidatta. All’età di 24 anni inizia a collaborare con un fotografo locale dapprima in negozio, a contatto con le persone e nelle impaginazioni di album e successivamente sul campo per i vari lavori su commissione.

Architettura e fotografia diventano due percorsi di analisi, progettazione visiva e ricerca personale che viaggiano parallelamente.
Negli anni successivi decide di portare avanti entrambe le passioni nelle esperienze lavorative. Collabora così nello stesso momento sia in studi di architettura che con diversi fotografi locali.

Negli ultimi anni, spinta dalla voglia di migliorare, decide di concentrarsi solo sulla fotografia e frequenta alcuni workshop: Assisi wedding reportage nel marzo 2018 con fotografi di matrimonio quali Roberto Panciatici, Victor Lax e Sergio Pieri e il fotografo di moda Marco Onofri. Successivamente, sempre nel 2018, segue il workshop di Maria Zavaglia, fotografa di matrimonio, la quale le suggerisce di incontrare il fotografo Giovanni Marozzini.

Con quest’ultimo, ad aprile 2019, frequenta il workshop “Le vie dei pastori – Marche e Abruzzo”, e si avvicina alla fotografia autoriale, descrittiva e interpretativa.
A novembre-dicembre 2019 parte per l’Argentina e dopo due settimane di sosta a Buenos Aires si unisce al gruppo di Marrozzini viaggiando nella Patagonia tra Bahia Blanca e Ushuaia .

Partecipa a due concorsi fotografici con il progetto fotografico “il gaucho Pol” :

  • –  BIFOTO FEST 2020 (SARDEGNA) arrivando fra i 13 portfoli selezionati dalla giuria
  • –  RIAPERTURE 2020 (FERRARA) arrivando fra ii 20 portfoli selezionati dalla giuria

    Partecipo ad alcune letture portfolio del circuito FIAF (PORTFOLIO ITALIA) arrivando nella rosa dei selezionati sempre del portfolio “il Gaucho Pol” :

– Portfolio SEGNALATO nelle letture di CORIGLIANO CALABRO.

A Luglio 2020 inizia questo progetto fotografico su Corniglia.