Pubblicato il

Portfolio – Joel Marklund e il popolo Sámi

Joel Marklund è un giovane fotografo specializzato in eventi sportivi. Classe 1985, vive e lavora a Stoccolma ed è attualmente Chief Photographer presso Bildbyrån, la più importante agenzia di fotografia sportiva svedese. Joel ha lavorato in più di 45 paesi coprendo molti eventi globali, tra cui cinque Olimpiadi. Ha pubblicato i suoi lavori in tutto il mondo e ha vinto molti premi per le sue immagini. Tra questi, il Picture of the Year International, l’NPPA Best of Photojournalism e lo Swedish Picture of the Year Award.

Joel, che è anche ambassador di Nikon, utilizzando una D5 full frame corredata di tre ottiche adatte al réportage, ha realizzato un’appassionante serie di ritratti della popolazione Sámi, comunità indigena e non rappresentata della Svezia. Sono una delle poche popolazioni indigene rimaste al mondo con lingua, cultura e costumi diversi dalle società in cui vivono. Il nome “lapponi” è stato dato a questo popolo dai coloni svedesi. Vivono in parte anche in Lapponia, in un territorio che si estende dal Circolo polare artico svedese alla Norvegia, dalla Finlandia alla Russia. Per quanto divisi dai confini formali dei quattro stati, però, continuano a esistere come un solo gruppo, unito dalla stessa cultura, dalla stessa lingua e da un’identità comune. Joel aveva come obiettivo comunicare la vera natura di questa identità, andando oltre le concezioni superficiali che li associano ai “montanari mandriani di renne”.

“Le storie migliori non vengono necessariamente dai luoghi più esotici o dagli angoli più reconditi della Terra”, commenta Marklund. “Ero deciso a trattare qualcosa in cui credo, qualcosa a cui tengo davvero. Non sono in molti ad aver raccontato la storia dei sami, così, essendo cresciuto a Boden accanto a dove risiedono alcune delle loro comunità, mi sentivo obbligato e al tempo stesso onorato ad essere io a raccontarla.”

Joel ha voluto mostrarne la vita quotidiana attraverso una serie di ritratti pieni di dettagli scattando a lungo anche nella neve e all’aria aperta e catturato tutti i particolari con estrema nitidezza. Per documentare che cosa significa vivere oggi da Sámi in Svezia, il fotografo ha trascorso sei settimane facendo visita alla comunità, integrandosi nelle vite di dodici dei suoi abitanti, tra cantanti e ballerini, fabbricanti del tradizionale tamburo e studenti, per svelarne le storie personali. Le immagini mostrano queste persone nell’ambiente al quale appartengono, con indosso l’abito tradizionale, il cosiddetto “gákti”, ma anche in scene di vita quotidiana, spesso frammisti al resto della società, in un contrasto culturale caratterizza l’intera serie.

Ha per esempio ritratto Marika Renhuvud mentre aiutava la sua famiglia con la macellazione delle renne prima di scoprire, dopo alcuni giorni trascorsi a fotografarla, che Marika studiava all’accademia di danza di Stoccolma. Nel frattempo Maxida Marak, che era cresciuta a Stoccolma prima di vivere con una comunità sami tradizionale, era tornata in città per diventare una cantante di successo. Un’altra storia segue Merethe Kuhmunen, studentessa con l’obiettivo di promuovere i diritti LGBT in Lapponia… Ogni soggetto ha svelato se stesso, ogni inquadraturia è un racconto che va in profondità.

 

Lascia un commento