Pubblicato il Lascia un commento

ANDY ROCCHELLI GRANT 2021, premio al miglior dummy

C’è tempo fino al 1° settembre per candiarsi all’Andy Rocchelli Grant, premio fotografico internazionale promosso da CESURA in nome del suo cofondatore Andy Rocchelli, fotoreporter ucciso in Ucraina nel 2014. Andy era una fiamma insostituibile, e per fare in modo che i suoi valori come fotografo e come uomo possano continuare ad ardere, è stato istituito un importante grant in suo nome. Lo scopo è individuare il migliore dummy fotografico inedito e premiare il vincitore con la produzione e la pubblicazione del libro da parte di Cesura Publish, casa editrice del collettivo.

La giuria si riunirà a settembre 2021 per selezionare una short list di finalisti. A dicembre 2021 verrà annunciato il libro vincitore.

La prima edizione del grant è un progetto promosso e sostenuto dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo.

Il 24 settebre saranno annunciati i finalisti, a dicembre avverrà l’annuncio del vincitore e il lancio del libro fotografico.

 

La giuria

-David Campany, curatore, scrittore e Managing Director del Programs al Centro Internazionale di Fotografia a New York

-Tamara Corm, senior director alla Pace gallery di Londra

-Arianna Arcara, co-fondatrice di CESURA, fotografa e co-direttrice artistica di Cesura Publish

-Lucia Rocchelli, membro onorario della giuria, architetto

* un quinto giudice verrà annunciato a breve

-Alex Majoli, presidente di giuria, fotografo, membro di Magnum Photos, cofondatore di CESURA e co-direttore artistico di Cesura Publish

 

IN MEMORIA DI ANDY

Andy Rocchelli è stato un fotoreporter italiano, membro e fondatore di Cesura. Ha lavorato come fotogiornalista per otto anni, documentando l’Europa orientale, la Primavera Araba in Libia ed in Tunisia, le violazioni dei diritti umani in Kyrgyzstan e Inguscezia. In Italia, ha lavorato sul fenomeno del velinismo e il rapporto tra migranti e la criminalità organizzata. Al momento della sua morte, nei pressi della città di Sloviansk in Ucraina il 24 maggio 2014, stava documentando le condizioni dei civili intrappolati nel conflitto del Donbass. Russian Interiors, il suo libro fotografico, è stato pubblicato postumo da Cesura Publish. Era un esempio di integrità e correttezza: nel suo lavoro era animato da grande passione e costante determinazione, lo viveva in maniera fisica e intuitiva. I suoi valori sono ancora oggi una delle colonne portanti del nostro gruppo. Aveva la capacità di vedere grandi possibilità nelle piccole cose, e di creare molto da quel poco. La produzione editoriale stampata era un passaggio fondamentale della sua ricerca, in quanto strumento di diffusione e completamento del lavoro. Andy era una insostituibile pietra accendi fuoco e per fare in modo che i suoi valori come fotografo e come uomo possano continuare ad ardere, abbiamo voluto istituire un Grant in suo nome e di permettere a un autore o a un nuovo talento di creare un libro fotografico in piena libertà di espressione, come Andy avrebbe voluto.

 

CESURA

CESURA  è un collettivo fotografico, casa editrice ed un laboratorio attivo in Italia nel campo della fotografia documentaria, di ricerca e sperimentazione visiva il cui intento è creare una forza indipendente e autonoma nel panorama della fotografia nazionale ed internazionale. Dal 2008 è impegnata nel racconto dei fenomeni sociali della contemporaneità, come la documentazione della Primavera Araba e la più recente documentazione della pandemia di Covid-19. I suoi progetti sono stati pubblicati sui principali quotidiani e magazine nazionali e internazionali come Time Magazine, New York Times Magazine, The New Yorker, The Guardian, Le Monde, Internazionale, Repubblica, L’Espresso), ed esposti presso musei come Le Bal (Parigi), MoCP (Chicago), Nobel Peace Center (Oslo), Deichhtorhallen (Amburgo), Draiflessen Collection (Mettingen) e Kulturhuset (Stoccolma).

Per informazioni e contatti:

info@cesura.it  | andyrocchelligrant@cesura.it |+39 0523997198 | Via del Campo Sportivo, 6 Pianello V. T. (PC) 29010 Italy

 

Pubblicato il Lascia un commento

Fuori Fuoco Moak: un contest di fotografia per celebrare la cultura del caffè

Fotografi professionisti o semplici appassionati, siete tutti invitati a partecipare al concorso internazionale Fuori Fuoco indetto e promosso da Moak con il supporto organizzativo di Still Love: c’è tempo fino a domenica 23 maggio per iscriversi alla settima edizione inviando tre scatti sul tema della bevanda preferita dagli italiani. Una bella occasione per raccontare le nostre abitudini attraverso oggetti, forme, luoghi e persone, e per sottoporre all’attenzione di una serie di esperti i vostri progetti fotografici, entrando in un network che potrebbe tornare utile anche in futuro. Della giuria, presieduta da Denis Curti, fanno parte anche il nostro direttore Barbara Silbe, oltre a Benedetta Donato (curatrice indipendente e membro del CdA della Fondazione Romano Cagnoni), a Nikos Economopoulos (reporter di Magnum Photos), Sebastiano Leddi (foto editor), Marco Lentini (art director Moak).

Il contest è una ramificazione del più ampio progetto Moak Cultura, nato vent’anni fa con un duplice obiettivo: diffondere bagaglio culturale e offrire ai giovani, attraverso delle competizioni, la possibilità di far conoscere le proprie capacità in campo creativo. “Un’occasione – racconta Marco Lentini, art director dell’azienda – che con grandi risultati abbiamo dato a giovani scrittori (Caffè Letterario) ad aspiranti registi (Corto Moak) e che abbiamo esteso con Fuori Fuoco anche agli appassionati di fotografia. Una disciplina la cui immediatezza comunicativa e l’evoluzione digitale ne hanno fatto oggi la forma espressiva delle nuove generazioni. In tutti e tre i contest abbiamo chiesto di raccontare storie, per dare la possibilità a ciascun artista di raccontare attraverso le parole o le immagini”.

“Fuori Fuoco Moak – afferma il presidente della giuria di qualità Denis Curti – è l’unico concorso italiano ad offrire l’esperienza del toutoring. Al vincitore verrà offerta la possibilità di definire un preciso percorso nel mondo dell’arte e della professione. Per chi fa un mestiere come il mio, quello di curatore, è fondamentale poter cogliere le novità espressive e linguistiche provenienti dal mondo delle immagini e questo concorso è sempre stato, per me, una grande fonte di ispirazione”

Novità di questa edizione è il workshop “On the Road” tenuto da Nikos Economopoulos, membro di Magnum Photos. Rivolto a professionisti e a fotoamatori, che amano coniugare viaggio e fotografia, il corso sarà basato sulla metodologia dell’editing, ovvero sulla capacità di guardare criticamente i propri scatti e saperli selezionare. I vincitori della 7° edizione, oltre a ricevere i premi messi in palio, avranno la possibilità di essere seguiti da uno dei fotografi professionisti dell’agenzia Still Love di Denis Curti, per ottenere consigli sul mondo del lavoro del fotografo.

Qui sotto una gallery con le opere vincitrici della passata edizione. Sono di Cristina Fontana, Samuele Pepe e Mario Scrinieri, rispettivamente 1°, 2° e 3° classificato al concorso.

Per maggiori dettagli e per consultare il bando d’iscrizione, www.fuori-fuoco.com 

Pubblicato il Lascia un commento

Camilla Ferrari – Ribeira

Generazioni #5

Camilla Ferrari nasce a Milano il 22 ottobre del 1992 e scatta la sua prima fotografia 14 anni dopo. Laureata in Scienze Umanistiche per la Comunicazione all’Università degli Studi di Milano può dedicarsi totalmente alla fotografia.  Frequenta alcuni workshop con i fotografi per lei di riferimento – tra i quali Gueorgui Pinkhassov, Harry Gruyaert e John Stanmeyer e nel 2012 inizia a lavorare per un fotografo di moda italiano e nel 2014 lavora come assistente per il fotografo David Alan Harvey (Magnum Photos). Dall’aprile 2016 ad oggi tiene la rubrica “Dietro lo scatto” sulla rivista Osservatorio Digitale, nella quale racconta le storie e le sensazioni che si celano dietro ad uno scatto fotografico.

Inizialmente attirata dalla fotografia di paesaggio, il suo interesse si è gradualmente spostato negli anni sulla relazione tra l’essere umano e ciò che lo circonda e sulle storie che quotidianamente lo segnano.

Qui via diamo un’anteprima di Ribeira, lavoro che abbiamo pubblicato su EyesOpen! #11

“Trovare la bellezza nelle cose più semplici. Nel vedere il sole nelle scaglie dei pesci al tramonto, nell’ombra che crea una ruga profonda sul viso di una donna. Nella curiosità nel bussare ad ogni porta di ogni container che popola il cemento affacciato sul fiume. Quello stesso fiume che si unirà al mare per diventare oceano.

Come ci si sente? Cosa significa avere quel potere e quella magnificenza di fronte a te ogni giorno della tua vita? Cosa si prova a camminare per le strade del tuo piccolo villaggio e riconoscere ogni singolo viso che si incontra, sapendo di far parte di una generazione che conserva tradizioni di cui un giorno le persone sentiranno la mancanza?

Trovare la bellezza nelle cose più semplici. Nel salto di un giovane ragazzo esperto, che conosce ogni roccia in equilibrio nel fiume Douro, nella saggezza e conoscenza dei marinai, nei lavoratori che ogni mattina salutano il fiume sulla riva.

Mi hanno accolto senza dire una parola, mi hanno incluso nel loro mondo e hanno condiviso con me le loro storie e tradizioni. Infine, mi hanno resa parte dell’Afurada, di Lomba, di Areja, di Ribeira: i luoghi che li hanno cresciuti, i luoghi che loro chiamano Casa.”